Perché proporvi un corso pre parto?

 

Cari mamme e papà,

perché proporvi un corso di accompagnamento alla nascita e di preparazione al parto?

Per accompagnarvi e rendervi protagonisti dello straordinario percorso della gravidanza e della nascita

Abbiamo la premura che gli incontri del corso non siano “lezioni accademiche”, ma momenti interattivi in cui voi possiate mettere a tema qualsiasi dubbio, curiosità o paura, confrontandovi con l’ostetrica e i professionisti che parteciperanno.

Oltre a questo, scoprirete quanto è importante condividere le vostre esperienze con altre coppie.

Durante il corso pre parto potrete conoscere e scoprire quali modificazioni avvengono nel corpo della mamma durante la gravidanza e come si sviluppa e poi cresce il bimbo.

Insieme all’ostetrica parleremo del travaglio, del parto e degli strumenti che abbiamo per affrontare il dolore.

Negli ultimi appuntamenti tratteremo anche il post parto (momento di novità assoluta nelle vostre routine) e  vi diremo quali sono i bisogni essenziali che avrà il vostro piccolo appena nato. 


Potrete porre le vostre domande all’ostetrica e confrontarvi con le mamme e i papà.

Il corso pre parto è davvero un’occasione unica e un aiuto reale per poter affrontare la gravidanza in modo più consapevole e sereno. 

È prevista e consigliata la partecipazione dei papà affinché abbiano la possibilità di conoscere le trasformazioni che la gravidanza e la nascita portano con sé e vivere il momento del parto da protagonisti attivi .

Qualora i papà fossero impossibilitati a venire, consigliamo vivamente la partecipazione all’incontro n. 4 e all’incontro n. 8.

 Il prossimo corso pre parto inizia l’ 8 giugno e prosegue i 6 sabati successivi

 

 PROGRAMMA:

1. Presentazioni e introduzione del corso. Cosa fa il bambino nella vostra pancia: sente, vede, ascolta?
2. I segni del I, II e III trimestre di gravidanza. 
3. Il perineo, protagonista di travaglio e parto: come allenarlo?
4. Il travaglio e il parto
5. Il dolore, risorse e metodi (farmacologici e non) per affrontarlo 
6. L’allattamento, il puerperio e il ritorno a casa – il neonato e i suoi bisogni

Sarà con noi Rita, consulente babywearing, che ci introdurrà alla pratica del portare i neonati e i bambini.

INFORMAZIONI UTILI

Primo appuntamento: 8 giugno dalle 10:00 alle 13:00 
Indirizzo: Via Pisino,159/q ,Roma
Costo: 180€ IVA esclusa
Modalità di iscrizione: prenotazione obbligatoria su EVENTBRITE.
                                              
Per iscriverti al corso, clicca qui

 

 

 Potrebbe interessarti anche questo articolo:

 

 Gravidanza: perché farsi seguire da un’ostetrica?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per info e prenotazioni, scrivete a mimamasrls@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Il costo del corso non prevede IVA. Il primo giorno di presenza sarà emessa regolare fattura deducibile fiscalmente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche: 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gravidanza: perché farsi seguire da un’ostetrica?